Disabilità : quando, come e perchè

Disabilità , quando, come e perchè una persona colpita da una certa malattia può essere considerata disabile?  Nel tempo si è cercato di dare ordine e senso a questa domanda, stabilendo limiti e prerogative. In modo generico la disabilità è stata principalmente considerata come la condizione di una persona non più in grado di partecipare autonomamente e attivamente alle attività della vita sociale, e quindi in una condizione di svantaggio.

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e la disabilità

disabilitàNel 1980 l’ORGANIZZAZIONE MONDIALE della SANITA’ ha cominciato a razionalizzare il problema inserendo la disabilità in una griglia formata da 3 categorie principali :

MENOMAZIONI, DISABILITA’ ed HANDICAP, a loro volta divise in varie sottospecie;  ad esempio MENOMAZIONI intellettive, psicologiche, auricolari, scheletriche, sensoriali ecc.  DISABILITA’ comportamentali, comunicative, motorie , di assetto corporeo ecc. ; HANDICAP di orientamento, indipendenza fisica, di integrazione sociale, ecc.

Ma nel tempo questo tipo di classificazione si è dimostrata non sufficiente  ed esaustiva , in quanto non teneva conto dei sintomi e delle malattie che possono essere solo temporanee senza trasformarsi in disabilità conclamata. Quindi si è resa necessaria una rilettura di queste valutazioni attraverso un nuovo standard di classificazione, commissionato dall’OMS ad un gruppo di esperti, che hanno tenuto conto anche dei problemi socio-sanitari e di quelli ambientali che possono agevolare uno stato di disabilità o condizionarlo.

Nasce un nuovo concetto di disabilità

E’ nato così lo standard ICF (International Classification of Functioning )  che riformula il concetto di disabilità e della salute delle persone tenendo conto molteplici fattori, che fanno riferimento anche ad aspetti sociali e non più solamente fisici o patologici.

Pertanto con l’introduzione dell’ICF gli indici di valutazione cambiano.  Da MENOMAZIONE, DISABILITA’ ed HANDICAP, si passa  a nuovi indici come FUNZIONI CORPOREE, STRUTTURE CORPOREE, ATTIVITA’ E PARTECIPAZIONE, FATTORI AMBIENTALI.  Si tratta proprio di un modello innovativo sulla valutazione della disabilità , applicabile a qualsiasi persona.  Sia essa normodotata che con deficit.

La nuova griglia per definire la disabilità

L’indice FUNZIONI CORPOREE si riferisce a funzioni fisiologiche del corpo incluse le funzioni psicologiche e comprende:

  • FUNZIONI MENTALI
  • SENSORIALI E DEL DOLORE
  • DELLA VOCE E DEL LINGUAGGIO
  • DEL SISTEMA CARDIOVASCOLARE, EMATOLOGICO, IMMUNOLOGICO E RESPIRATORIO
  • DEL SISTEMA DIGESTIVO, METABOLICO  ED ENDOCRINO
  • DELL’APPARATO RIPRODUTTIVO E GENITOURINARIO
  • FUNZIONI NEURO-MUSCOLO-SCHELETRICHE COLLEGATE AL MOVIMENTO

L’indice delle STRUTTURE CORPOREE si riferisce  invece all’autonomia del corpo, ai suoi organi e  al loro comportamento, e comprende:

  • STRUTTURE DEL SISTEMA NERVOSO
  • OCCHIO E ORECCHIO
  • COMUNICAZIONE VERBALE
  • SISTEMA CARDIOVASCOLARE, IMMUNOLOGICO E RESPIRATORIO
  • APPARATO DIGERENTE E SISTEMA METABOLICO ED ENDOCRINO
  • STRUTTURA  COLLEGATA AL SISTEMA RIPRODUTTIVO E GENITOURINARIO
  • SISTEMA COLLEGATO AL MOVIMENTO
  • SUPERFICIE CUTANEA

L’indice di ATTIVITA’ E PARTECIPAZIONE, si riferisce alle situazioni di vita della persona nelle sue varie attività e comprende:

  • APPRENDIMENTO E ED APPLICAZIONE DELLE CONOSCENZE
  • COMPITI E RICHIESTE GENERALI
  • COMUNICAZIONE
  • CAPACITA’ MOTORIA
  • CURA DELLA PERSONA
  • VITA DOMESTICA
  • INTERAZIONE E RELAZIONI INTERPERSONALI
  • PRINCIPALI AREE DELLA PROPRIA VITA
  • VITA COMUNITARIA CIVILE E SOCIALE

Infine l’indice dei FATTORI AMBIENTALI si riferisce alla qualità del mondo fisico e sociale che possono avere influenza sulla persona, e comprende:

  • PRODOTTI E TECNOLOGIA
  • AMBIENTE NATURALE E MODIFICAZIONI EFFETTUATE DALL’UOMO
  • SOSTEGNO SOCIALE E RELAZIONI
  • ATTEGGIAMENTI
  • SISTEMI, SERVIZI, POLITICHE

 

disabilitàScopo di questa nuova griglia è quella di fornire aggiornati elementi di riferimento standard per la valutazione di forme di disabilità e della salute delle persone correlate a possibili situazioni sociali e sanitarie.

Si stima che in Europa le persone con disabilità di vario tipo siano oltre 40 milioni.  Un numero enorme che corrisponde ( dati della Commissione Europea)  a circa l’11% della popolazione, e il processo di invecchiamento in atto su tutto il continente farà lievitare questi numeri nei prossimi anni.

Per concludere.  Il giornalista Franco Bomprezzi, direttore della rivista “Mobilità”, nel corso di un seminario, ha fatto alcune riflessioni sul glossario delle parole giuste o superate inerenti la disabilità , definizioni che spesso provocano disagio.   “ Le parole riferite alle persone disabili – ha dichiarato Bomprezzi –  hanno subito una rapida e comprensibile  evoluzione . E probabilmente in meglio….minorato, handicappato, nano, sordo, cieco, sono state sostituite , nella mediazione informativa, dai più accettabili e corretti “Persona con disabilità , diversamente abile, menomazione, handicap, deficit, non udente o non vedente…”

L’importante e che anche il linguaggio sulla disabilità aiuti a far rientrare tutti nella cultura della normalità, avendo come traguardo quello dell’inclusione.  E in questo caso le parole hanno il loro valore.

Avatar
Redazione - Ability Channel
Dal 2011 la redazione di Ability Channel tiene informati i suoi lettori su tutto ciò che riguarda il mondo della disabilità: partendo dalle patologie, passando per le attività di enti ed associazioni, fino ad arrivare a raccontarne la spettacolarità sportiva paralimpica. Ability Channel è l'approccio positivo alla disabilità, una risorsa fondamentale della nostra società.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato