Computer per disabili

Computer per disabili : Daniele Furlan, scrittore tetraplegico a causa di un incidente stradale ti offre una panoramica sui computer per disabili che sono attualmente in commercio.

Gli ausili per i computer per disabili sono diversi in base al tipo di lesione che ha l’utilizzatore; ovviamente un paraplegico che conservato l’uso degli arti superiori e delle mani non ha bisogno di alcun ausilio. Quando la disabilità colpisce anche gli arti superiori, oppure colpisce ed inibisce la voce ed anche i movimenti del capo si passa agli ausili per computer attualmente a disposizione.

Computer per disabili

Il mouse nel computer per disabili

Il primo problema che l’utilizzatore del computer per disabili deve risolvere è quello di muovere il mouse: per questo esistono dei cosiddetti emulatori di mouse che si basano su un principio, un piccolo strumento che viene posto in prossimità della webcam che invia un raggio sulla fronte dell’utente; sulla fronte dell’utente viene incollato un bollino, un adesivo circolare che riflette questo raggio verso lo schermo del computer. Muovendo lentamente il capo, attraverso il bollino, che normalmente è fissato sopra il naso tra gli occhi, si riesce a raggiungere tutta la superficie dello schermo del computer. Questi sistemi sono anche corredati di un software che permette, una volta raggiunto il punto su cui si vuole operare, di simulare il clic semplice, il clic doppio, il clic destro, il trascinamento. I sistemi attualmente sul mercato sono il Tracker Pro, uno strumento americano, che è il più rodato, il più collaudato ma anche il più costoso; poi c’è lo SmartNav che è meno collaudato ma non per questo meno efficiente e costa meno della metà del Tracker Pro. Poi c’è un sistema nuovo che è stato inventato da un gruppo di ricercatori spagnoli che si chiama Emphatia che più o meno si basa sullo stesso principio degli altri però ha il vantaggio di essere accessibile quasi a tutti perchè ha un costo abbastanza limitato.

L’integramouse e l’Easy Mouse nei computer per disabili

Nei casi più gravi, quando la disabilità colpisce anche i movimenti del capo o inibisce anche la voce si possono utilizzare altri due strumenti: uno viene detto integramouse che è una specie di soffietto che viene posto vicino alla bocca dell’utilizzatore che facendo una leggera pressione sulla boccuccia del soffietto stesso può indirizzare il mouse su turra la superficie del display del computer. Poi espirando dentro il soffietto si può simulare il mouse destro oppure il mouse sinistro. un altro sistema, che è quello che utilizzo io, è quello dell’Easy Mouse. Per utilizzare questo sistema bisogna avere una carrozzina elettrica che sia conpatibile. L’Easy Mouse è uno strumentino che viene collegato alla porta Usb del computer, dopo di chè, quando uno si avvicina con la carrozzina elettrica, nel mio caso una Permobil, l’Easy Mouse, tramite dei raggi infrarossi dialoga con il computer della carrozzina per cui il joystick, nel mio caso il joystick a mento che io adopero per spostarmi in tutta la casa, non diventa più uno strumento per il movimento della carrozzina ma diventa uno strumento per muovere il mouse.

Il mouse a controllo oculare

Un altro sistema che è quello che viene utilizzato nei casi di lesione midollare molto alta oppure di SLA o atrofia in stato avanzato è il sistema a controllo oculare: viene piazzata in prossimità della webcam una telecamerina che registra i movimenti delle pupille e i movimenti delle palpebre e riesce a trasformare questi movimenti in movimenti del cursore del mouse sul display del computer.

Computer per disabili

La scrittura nel computer per disabili

Il secondo problema da risolvere nei computer per disabili è quello della scrittura delle lettere o della dettatura di un testo. Non potendo digitare sui tasti della tastiera si adopera o una tastiera virtuale che appare sul display del computer, così con i movimenti del cursore del mouse, si digitano le parole lettera per lettera. Queste tastiere virtuali sono dotate di uno strumento tipo il T9 dei telefonini, per cui dopo aver scritto le prime due lettere dell’alfabeto propone tutta una gamma di parole che sono le più comuni che cominciano con quelle due lettere. Un altro sistema, ove il disabile non abbia perso l’utilizzo della voce, è il comando vocale. Ne esistono vari tipi, il comando vocale più diffuso è il Dragon Naturally Speaking che è quello che uso anch’io e che mi permette di dettare tutti i testi che voglio ad una velocità che è quasi superiore a quella della digitazione.

Computer per disabili sensoriali

Fin qui abbiamo parlato di disabilità motorie, ma esistono anche delle disabilità sensoriali come la cecità e l’ipovedenza. In questi casi oltre ad avere delle tastiere, delle stampanti, dei fax con i tasti in Braille esistono anche dei programmi che sono dei sintetizzatori vocali che permettono di riprodurre la parola che il non vedente sta digitando oppure il testo che appare nella videata…

Computer per disabili : gli audiolibri

Un cenno particolare va fatto allo sviluppo di quello che sono gli audiolibri perchè nei casi di una lesione molto alta o di una ipovedenza esistono delle banche dati, delle vere e proprie biblioteche, dove, dopo aver presentato il certificato di invalidità o di cecità, si possono scaricare gratuitamente degli audiolibri che poi si possono ascoltare successivamente. Questo è un lavoro che viene effettuato grazie a dei volontari speciali che si chaimano “donatori di voce”.

La continua evoluzione dei computer per disabili

Proprio grazie a questi ausili per il computer che io sono riuscito a scrivere anche un libro che si chiama “Il mio podere” i cui diritti d’autore vanno direttamente all’associazione La Colonna. Tutti gli ausili che ho spiegato prima, mentre sto parlando, sono già obsoleti perchè vengono continuamente inventate nuove tecniche; una tecnica in sperimentazione in questo momento è quella che ponendo un caschetto sulla testa dell’utente si può riuscire anche a captare i suoi stimoli cerebrali per trasformarli in comandi del computer.

Il settore dei computer per disabili è in continua evoluzione ed è un peccato che in Italia si faccia poca ricerca in questo campo…

Avatar
Redazione - Ability Channel
Dal 2011 la redazione di Ability Channel tiene informati i suoi lettori su tutto ciò che riguarda il mondo della disabilità: partendo dalle patologie, passando per le attività di enti ed associazioni, fino ad arrivare a raccontarne la spettacolarità sportiva paralimpica. Ability Channel è l'approccio positivo alla disabilità, una risorsa fondamentale della nostra società.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.