Centro protesi INAIL di Budrio, gli arti superiori mioelettrici

L’Ingegnere Gennaro Verni, Direttore Tecnico del Centro Protesi INAIL, ti spiega cosa sono e come funzionano le protesi mioelettriche per arti superiori.

Il centro di Budrio

Il Centro Protesi INAIL di Budrio, una delle strutture di eccellenza in Italia e nel mondo per la fornitura di protesi, l’addestramento nel centro riabilitazione, gli ingegneri stanno sviluppando nuove protesi a controllo elettronico ad altissima tecnologia.

L’arto a controllo mioelettrico

“Una delle cose più importanti  al Budrio Centro Protesi– spiega l’Ingegner Gennaro Verni – è rappresentato dalle protesi funzionali per tutti i livelli di amputazioni dell´arto superiore cosiddette a controllo mioelettrico “.

“In pratica – prosegue  l’Ingegner Gennaro Verni – le protesi vengono controllate e comandate da una debolissima corrente elettrica che viene rilevata tramite dei sensori posti sui muscoli residui dell’arto…questi segnali vengono amplificati, portati alle varie parti della protesi e tramite una batteria inserita all’interno della stessa, vengono azionate”.

Autonomia per gli amputati bilaterali 

“Si può avere – continua l’ingegner Verni – una protesi funzionale fino a livello della spalla, avendo il movimento del gomito, della mano, in apertura e chiusura, e anche al livello del polso in intra ed extra rotazione; questi sono movimenti importanti soprattutto per gli amputati bilaterali di arto superiore, per i quali queste protesi consentono di raggiungere una buona autonomia”.

La mano poliarticolare

Budrio Centro Protesi“Recentemente al Budrio Centro Protesi – dichiara l’ingegner Gennaro Verni – sono state introdotte delle mani poliarticolari, ovvero che riproducono in maniera quasi completa i movimenti dell’arto naturale, per questo sono chiamate antropomorfe. Con una mano poliarticolata – prosegue l’Ing. Verni – è possibile afferrare un oggetto con tutte e cinque le dita, utilizzare un solo dito, quindi poter battere i tasti di una tastiera di computer, utilizzare il pollice per ottenere una vastissima gamma di movimenti”.

Queste mani si differenziano notevolmente dalle mani usate fino a poco tempo fa caratterizzate da un movimento detto tridigitale, dove tutti gli oggetti vengono afferrati esclusivamente dalle prime tre dita.

Possiamo essere fieri ed orgogliosi del lavoro fatto al Budrio Centro Protesi per migliorare la qualità della vita delle persone che hanno avuto una disabilità.

Avatar
Redazione - Ability Channel
Dal 2011 la redazione di Ability Channel tiene informati i suoi lettori su tutto ciò che riguarda il mondo della disabilità: partendo dalle patologie, passando per le attività di enti ed associazioni, fino ad arrivare a raccontarne la spettacolarità sportiva paralimpica. Ability Channel è l'approccio positivo alla disabilità, una risorsa fondamentale della nostra società.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.