ASSISTENZA DISABILI, IL DIRITTO NEL SESSO

Assistenza disabili, nel tema sesso e disabili voglio rivendicare un diritto, perchè di diritto si tratta, ad un portatore di handicap, sia esso fisico, sensoriale, mentale, da trauma o da malattia, oltre che di una pulsione come in ogni essere umano; ci sono tanti individui in tali condizioni che questo lo fanno già, a voce alta e in numerose sedi. Ma ho la netta impressione che nel sentire comunque queste legittime prese di posizione cadano piuttosto nel vuoto. A prestare loro orecchio sono in genere solo altri disabili oltre a medici, sessuologi ed operatori sociali.

Assistenza disabili , il diritto nel sesso, per cosa battersi

Assistenza disabiliUna volta si tendeva a tenere nascosto l’handicap di un familiare o di una persona cara. Oggi è un pò diverso: li si mostra, e ci si mostra con loro, sollecitando considerazione, assistenza, welfare, la soddisfazione di bisogni primari e non solo. A maggior ragione in un periodo di tagli selvaggi soprattutto allo stato sociale, con carenze sempre più gravi, non ultima quella degli insegnanti di sostegno nelle scuole, e servizi demandati al volontariato, laico ma specialmente religioso. Ma un periodo, pure, nel quale si parla con crescente frequenza di diritti fondamentali, costituzionali, messi a rischio da comportamenti e da scelte dei nostri governanti, e quindi a maggior ragione da salvaguardare e valorizzare. Principi per cui vale la pena battersi.

Tutto giusto, tutto sacrosanto. La protezione, l’assistenza disabili ed il resto. Tutto tranne il sesso, però. Di quello sembra che in apparenza loro non abbiano alcun desiderio e nemmeno bisogno. Di quello non si parla e tantomeno si interrogano loro, i disabili, i “portatori” di questa istanza ineludibile (per chiunque). Anzi, accade piuttosto di frequente, al contrario, che giustifichiamo una moglie o un marito che avendo il coniuge disabile cerchino sesso altrove, pur assicurando alla persona cara tutto l’aiuto e tutta la solidarietà di questo mondo.

Assistenza disabili , il diritto nel sesso, soggetto e non oggetto

Assistenza disabiliIl nodo è che non si riesce tuttora a fare a meno, o meglio non si rinuncia a considerare il portatore di handicap esclusivo “oggetto” di aiuto e anche di pietà, invece che “soggetto” portatore di diritti. I diritti a cui ognuno di noi ha diritto. Anche e soprattutto quello di fare sesso. A volte perchè si pensa che non siano belli da vedere: corpi imperfetti, deformi, mancanti di qualcosa, espressioni del viso non usuali, pensieri devianti, perfino desideri inconsueti. Altre volte perchè si ritiene che in presenza di una malattia, di una limitata capacità di iniziativa e di movimento, muoiano la bellezza e anche la pulsione.

Come se il sesso fosse fatto solo di acrobazie da kamasutra, come se non esistessero le carezze, innumerevoli forme e gradi di intensità del contatto fisico: per fortuna nell’eros non ci sono, o non dovrebbero esserci, limiti all’ispirazione e all’inventiva. Che non farebbe male, tra parentesi, nemmeno ai “normodotati”.

Che l’argomento resti al più limitato alle discussioni degli specialisti, fra gli “addetti ai lavori”. L’importante è che non si veda, che non si mostri. Al solito: proprio come per gli omosessuali, i transessuali, i “diversi” in genere. Ancora più importante, e peggio ancora, è che il diritto al sesso non si rivendichi pubblicamente. C’entrerà anche la preponderante presenza della Chiesa cattolica, qui in Italia, oltre a quella cura ossessiva del corpo nella quale in tanti cercano una sorta di “immortalità”? Un fatto è che all’estero questo problema è stato posto e qualche soluzione di assistenza disabili si è pure escogitata.

Assistenza disabili , il diritto nel sesso, espressività sessuale

Assistenza disabiliIl disabile è persona e come tale non deve essere represso nelle sue pulsioni sessuali, semmai aiutato e corroborato nella sua espressività sessuale. Se non abbiamo pregiudizi verso di essi, e se  abbiamo imparato a guardare nel disabile come ad una persona normale, con una ricchezza interiore, ma anche se abbiamo imparato a tollerarla nei suoi bisogni elementari, allora potremmo parlare serenamente della loro sessualità e delle loro pulsioni.

Il problema della sessualità del disabile non risiede nella autonomia della persona con handicap ma nella mancata accettazione del soggetto “normodotato” che è maldisposto verso la persona diversamente abile. Non si concede al disabile il raggiungimento della massima autonomia possibile, ma anzi, questi viene vissuto come persona “dipendente”, non dotata di sentimento e di affettività mature. Occorre, invece, riconoscere la necessità di restituire al paziente ampi spazi di autodeterminazione, ma tuttavia viene applicato con estrema difficoltà all’ambito sessuologico.

Quando infatti all’interno di un progetto educativo di assistenza disabili, diventa necessario affrontare il tema della sessualità, si tende solitamente a sostituire il principio della massima autonomia possibile con quello della minima autonomia indispensabile. Inoltre si tende sempre a reprimere anzichè ad amplificare le pulsioni sessuali nell’handicap. Ciò ovviamente è in antitesi con le linee guida internazionali che prevedono per ogni disabile la reintegrazione sociale, l’elaborazione di sè e l’insegnamento delle abilità e competenze, per accedere ad una autonomia più ampia possibile.

Assistenza disabili , il diritto nel sesso, l’atteggiamento

Assistenza disabiliParliamo di assistenza disabili dove l’atteggiamento comune riguardo la sessualità dei disabili è dominato da irrazionalità, pregiudizi e paure proiettate su coloro i quali si prestano ad incrementare il loro vissuto e le loro fantasie attraverso la sessualità. Nella nostra società prevale un duplice atteggiamento che oscilla tra la negazione della sessualità del disabile e una considerazione di essa come perversa e abnorme. Altro errore che si fa è considerare il disabile come  un eterno bambino o, peggio, come dotato di una sessualità immaginata come disinibita, deformata come se si trattasse di un disabile psichico. Al contrario si tollerano, o peggio, si accettano tacitamente comportamenti aberranti dei cosiddetti individui abili, come l’amore sadomaso, il feticismo, ed altre manifestazioni devianti come il voyerismo, o peggio la pedofilia!

Invece, una persona su di una carrozzella, può avere il desiderio di amare e di essere amata normalmente, come persona, accettata per quello che è, e che può dare, senza ansia di prestazioni o altro. Ma guai a quelle persone che amano questi soggetti più sfortunati di un amore mercenario, per raggirarli. Altre volte l’amore è fatto di carezze, di dolcezza e di finezze, non necessariamente deve essere una “ginnastica” come fanno le persone abili, che in realtà comunicano solo potenza virile e sesso freddo. Spesso bisogna avere pazienza e disporsi in modo che il compagno riesca ad amarci, tutto questo rende sublime l’amplesso amoroso con una persona disabile.

 

L’handicap, qualunque esso sia, non potrà mai impedirci di amare l’altra persona. L’importante è elaborare il proprio schema corporeo e rendere accettabile all’altro anche i nostri handicap, che spesso diventano come i nostri distintivi. Nell’assistenza disabili, la verità è che quando si parla di disabili si pensa che il vero handicap sono i diritti. Non solo i loro, quelli di tutti. Quei diritti spesso negati qui in Italia e per i quali non soltanto vale la pena, ma è sempre più urgente battersi per contribuire a cambiare davvero l’andazzo delle cose.