Alunni disabili e prove Invalsi: discriminazione a scuola?

Discriminazione scolastica? 200.000 studenti con disabilità sarebbero oggetto di discriminazione durante le prove Invalsi, le prove scritte, Italiano e matematica, che dovrebbero valutare i livelli di apprendimento degli studenti al terzo anno della scuola secondaria di primo grado.

La posizione del ministro Carrozza

Un’inchiesta, in tal proposito non è stata esclusa dalla neo ministra alla Pubblica Istruzione Maria Chiara Carrozza, rettore dell’Università di Pisa, la stessa università dove noi di Ability Channel abbiamo realizzato due servizi su due prototipi di esoscheletro, handexos per la mano e neuroexos per il braccio.

La protesta dei genitori del CESP

discriminazione scolasticaIn seguito ad una protesta sollevata dai genitori del CESP, il Centro Stusi per la Scuola Pubblica, che hanno denunciato il fatto, il ministro Maria Chiara Carrozza ha dichiarato che la cosa è sicuramente molto grave anche se sembra che ciò sia avvenuto solo in alcune scuole. Il problema però è che nel regolamento degli Invalsi è previsto che i dirigenti scolastici possano sollevare da una o più prove gli alunni con disabilità intellettiva o altra disabilità grave, impegnandoli in altra attività. Ma, come recita la norma si potrà “fare partecipare a una o a tutte le prove Invalsi gli allievi con disabilità intellettiva o altra disabilità grave insieme agli altri studenti della classe, purché sia possibile assicurare che ciò non modifichi in alcun modo le condizioni di somministrazione”. Con la differenza però di considerare i risultati separatamente da quelli dei normodotati.

La questione è aperta. Il ministro Carrozza ha assicurato che si occuperà della questione. Ma il problema di fondo rimane. Valutare separatamente una persona con difficoltà di apprendimento è forse anche logico e comprensibile. Escluderla a priori da una prova che coinvolge tutti gli studenti però è sempre un fatto grave e discriminatorio. Modificare le regole per trovare un giusto equilibrio sarebbe probabilmente la strada giusta. Se l’abbattimento delle barriere culturali e il percorso dell’integrazione non cominciano proprio dalla scuola allora siamo veramente nei guai…

Avatar
Redazione - Ability Channel
Dal 2011 la redazione di Ability Channel tiene informati i suoi lettori su tutto ciò che riguarda il mondo della disabilità: partendo dalle patologie, passando per le attività di enti ed associazioni, fino ad arrivare a raccontarne la spettacolarità sportiva paralimpica. Ability Channel è l'approccio positivo alla disabilità, una risorsa fondamentale della nostra società.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato