Diagnosi funzionale, cos’è e a cosa serve

diagnosi funzionale

La Diagnosi Funzionale è utile all’amministrazione scolastica per la richiesta dell’insegnante di sostegno.

“La Diagnosi Funzionale è un atto sanitario medico legale che descrive la compromissione funzionale dello stato psico-fisico dell’alunno in situazione di handicap” (D.P.R. 24/02/1994). Ma cos’è e a cosa serve?

A cosa serve la diagnosi Funzionale

Per far sì che l’assegnazione dell’insegnate di sostegno da parte del Provveditorato arrivi in tempi utili, è bene che sia i genitori che la scuola sollecitino tale documentazione. Partendo dalla menomazione e dagli effetti che questa ha sul bambino, la diagnosi funzionale mira ad individuare:

  • l’insieme delle disabilità e delle difficoltà derivanti dalla menomazione stessa o derivanti da contesti sociali e culturali;
  • il quadro generale delle capacità (con particolare attenzione alla recuperabilità ed ai residui funzionali);
  • le potenzialità di sviluppo sulle quali elaborare un successivo intervento educativo.

L’obiettivo della diagnosi funzionale è quello di fornire un quadro clinico in grado di orientare interventi di tipo riabilitativo, terapeutico ed educativo-didattico, che sia condiviso dalle diverse figure professionali coinvolte.

Cosa contiene la diagnosi funzionale

diagnosi funzionaleLa Diagnosi funzionale è suddivisa in aree diverse utili per identificare il rapporto tra la minorazione e determinati aspetti del comportamento complessivo del soggetto:

  1. aspetto cognitivo: esamina il livello di sviluppo raggiunto e la capacità di integrazione delle conoscenze;
  2. aspetto affettivo-relazionale: valuta il livello di autostima ed il rapporto con gli altri bambini;
  3. aspetto linguistico (comprensione, produzione e linguaggi alternativi);
  4. aspetto sensoriale: esamina il tipo ed il grado di deficit con particolare attenzione a vista, udito e tatto;
  5. aspetto motorio-prassico;
  6. aspetto neuro-psicologico: valuta la memoria, l’attenzione e l’organizzazione spazio-temporale del bambino.

Chi formula la diagnosi funzionale?

L’elaborazione della diagnosi funzionale spetta ad un’unità multidisciplinare composta da:

  • un medico specialista nella patologia segnalata
  • uno specialista in neuropsichiatria infantile
  • un terapista della riabilitazione
  • gli operatori sociali.

Il Profilo Dinamico Funzionale

Successivamente alla Diagnosi funzionale viene redatto il Profilo Dinamico Funzionale (P.D.F.), un documento indica le caratteristiche fisiche, psichiche, sociali ed affettive dell’alunno mettendo in rilievo sia le difficoltà di apprendimento conseguenti all’handicap, con relative possibilità di recupero, sia le capacità possedute che invece devono essere sostenute e sollecitate in modo continuo e progressivo (D.L. 297/94).
Il P.D.F. è inoltre utile ai fini della formulazione del Piano Educativo Individualizzato.

Avatar
Redazione - Ability Channel
Dal 2011 la redazione di Ability Channel tiene informati i suoi lettori su tutto ciò che riguarda il mondo della disabilità: partendo dalle patologie, passando per le attività di enti ed associazioni, fino ad arrivare a raccontarne la spettacolarità sportiva paralimpica. Ability Channel è l'approccio positivo alla disabilità, una risorsa fondamentale della nostra società.

ARTICOLI CORRELATI

Resta aggiornato

Riceverai nella tua e-mail tutti gli aggiornamenti sul mondo di Ability Channel.

 

Carrozzine per disabili: tutto quello che c’è da sapere

Contenuto sponsorizzato
 

Autonomia e Libertà sinonimi di viaggio

Contenuto sponsorizzato
 

C'è chi usa la LIS per communicare con i clienti

Contenuto sponsorizzato