DOMOTICA PER DISABILI, LA CASA DEL FUTURO

Domotica per disabili ovvero la casa del presente, ma, soprattutto del futuro. E non solo per le persone con disabilità.

Domotica per disabili

DOMOTICA PER DISABILI E LA CASA DI DANIELE FURLAN

“Io ho avuto l’incidente nel 2001 – racconta Daniele Furlan – e ho subito una lesione midollare cervicale all’altezza di C3: questo significa che mi sono stati inibiti tutti i movimenti dal collo in giù. Riesco a muovere la testa e ho conservato l’uso della voce senza ventilazione automatica. La mia casa domotica è stata costruita durante la mia degenza ospedaliera ed è stata seguita da ingegneri dell’Inail proprio perchè venisse dotata di una domotica per disabili particolare che mi permettesse la più grande autonomia possibile”.

DOMOTICA PER DISABILI UN SISTEMA A SCANSIONE

“Attraverso un complesso sistema di sensori che sono posti un po dappertutto riesco ad aprire la porta, a chiudere le tapparelle, ad accendere le luci, ad accendere la televisione e a controllare tutti gli strumenti audiovisivi che ci sono in casa come lettori dvd, stereo…”

“Riesco a farlo grazie a questa carrozzina elettrica, che utilizzando un joystick a mento permette di muovermi liberamente per la casa ma, quando viene impostato in una funzione particolare, mi permette di controllare tramite un sistema a scansione i comandi che ho elencato prima”.

Domotica per disabili

“Questo è un sistema a scansione; attualmente stanno prendendo piede dei sistemi a comando vocale per la domotica per disabili. La domotica è una scienza che si evolve continuamente e che oltre al servizio dei disabili sta diventando anche il futuro per quelle che saranno le case di domani, perchè verranno controllate tramite un semplice telecomando o con un comando vocale si potrà aprire le porte o chiudere tutte le tapparelle”.

I COSTI PER LA DOMOTICA PER DISABILI

“Attrezzare una casa in questo modo è difficile da quantificare, la mia è stata costruita in funzione della domotica per disabili qiuindi il costo adeguato ad oggi potrebbe essere superiore ai centomila euro. Però la domotica è una scienza in evoluzione, probabilmente adesso con un’applicazione di massa, quindi anche per case normali, i costi si staranno abbassando notevolmente…”