Una meta per Gianca – a Jesolo con il nuovo Doblò

una meta per gianca“Sono veramente felice – dichiara Leonardo Mason – vice presidente dell’associazione La Colonna onlus – a parte la manifestazione sportiva in se, anche quest’anno sembra che la raccolta fondi stia andando molto bene e quindi potremo fare delle belle donazioni sostanziose per la ricerca e possiamo aiutare le persone con le mielolesioni perché, ricordiamo, che con noi della Colonna ogni anno collabora la JK 14 che, a differenza della Colonna che sostiene la ricerca in generale, la JK aiuta specificamente i ragazzi che sono rimasti infortunati in maniera grave nel mondo del rugby rimanendo paraplegici o tetraplegici…”

Una Meta per Gianca

Giorgia PizzialiUna Meta per Gianca è una raccolta fondi per aiutare la ricerca sulle mielolesioni. E’ organizzataa Jesolo dall’Associazione La Colonna onlus e anche Ability Channel vuole dare il suo contributo dando visibilità all’evento. Questo è possibile grazie a Focaccia Group Automotive che qui a Cervia ci ha messo a disposizione una sua nuova vettura: il nuovo Fiat Doblò F-Style One…

Adesso vado da Riccarda che sta aspettando Meri di Focaccia Group che ci farà vedere i nuovi allestimenti della macchina…

Il nuovo Fiat Doblò F-Style One di Focaccia Group

Fiat Doblò F-Style oneIl pianale ribassato con la pratica e leggera rampa manuale consente un accesso rapido e comodo alla persona in carrozzina; l’operazione di ancoraggio è facile ed avviene prima dell’ingresso in auto grazie agli arrotolatori a rilascio automatico. Attivando gli ancoraggi anteriori mediante l’apposito pulsante l’ingresso in auto è molto semplice e l’assistente opera sempre all’esterno del veicolo. Il fissaggio degli ancoraggi posteriori è altrettanto facile sfruttando il loro sistema di aggancio rapido. Inoltre servono per fissare la cintura di sicurezza del passeggero per un viaggio in conformità alle normative ed in totale sicurezza.Fiat Doblò F-Style one

Chiudiamo la rampa che anche in questa posizione assicura sempre una buona visibilità al conducente e partiamo per Jesolo a bordo di Fiat Doblò F-Style One che consente di trasportare nella versione a passo corto quattro passeggeri più la persona in carrozzina per un viaggio in totale sicurezza e comfort in compagnia dei propri amici.

Il rugby touch

E dopo il nostro lungo viaggio io e Riccarda siamo arrivate a Jesolo dove si sta disputando il torneo di rugby touch, però vedo che Riccarda sei assolutamente coinvolta nella partita…

Scusate ma stavo guardando i fustacchioni rugbysti e non si può perdere uno spettacolo così quindi…

Alle nostre spalle si sta disputando la finale di questo torneo che è stato organizzato come abbiamo detto dall’associazione La Colonna. E’ un torneo “rugby touch” quindi vuol dire che non ci sono ne mischie ne placcaggi e le quindici squadre che hanno partecipato hanno simulato il prossimo mondiale. In ogni squadra ci sono donne, ci sono bambini, chiunque voleva partecipare l’ha potuto fare e adesso state vedendo appunto la finale fra Samoa e Galles, mi sembra, e l’Italia è al terzo posto…

Manuel Micheletto: dal rugby allo sci

Manuel MichelettoFinalmente un grande atleta che prima faceva rugby ma adesso si è dato ad un altro sport che conosce Ability Channel…

“Tre anni fa ho avuto un grave incidente stradale – racconta Manuel Micheletto – ho dovuto abbandonare il mondo del rugby, sport che praticavo a buoni livelli da dieci anni, e adesso mi sono buttato nel mondo dello sci. Ho iniziato a praticarlo da due anni, sono iscritto con la Brain Power, che ha sede qua nel Veneto, ad Alleghe ha un punto di riferimento, dove, tramite l’Inail, ho iniziato a sciare…e adesso chissà che me la mandi buona e inizio ad arrivare in nazionale!”

Direi che Manuel, visto il livello che ha raggiunto nel rugby e visto il fisico che si ritrova farà la stessa cosa con lo sci…

“Questo è il più importante, è il primo tatuaggio, rappresente me giocatore di rugby contro la morte…non ho vinto, abbiamo pareggiato, perché lei mi ha portato via le gambe ma io sono qui!”

Davide Giozet – rugby in carrozzina

Davide GiozetSono con il capitano della nazionale di rugby in carrozzina, Davide, nonché vicepresidente dell’Associazione Assi di Belluno il cui presidente è Oscar De Pellegrin. Ma parliamo di rugby…

“Eccoci qua a questa festa – dichiara Davide Giozet – siamo qua da rugbysti a sostenere questa grande famiglia e a sostenere un’associazione importante come La Colonna che devolve fondi importanti per le lesioni midollari, lesioni che ci riguardano in prima persona…siamo ben felici di essere qua! Sono estremamente orgoglioso di far parte di questa famiglia e di essere il capitano e gestire una squadra così importante, un movimento nuovo ma che sta crescendo…”

Grande successo

Grazie alla partecipazione e l’impegno di tutte le persone che vedete qui attorno a me la ricerca va avanti, e speriamo di poter regalare un futuro migliore a tutte le persone che soffrono a causa di una mielolesione.