Massimo Porciani presenta i Trisome Games

Riccarda Ambrosi di Ability Channel ha intervistato il Presidente del CIP della Toscana Massimo Porciani il quale ha raccontato di un bellissimo evento, i Trisome Games, che si svolgeranno a luglio in Toscana. 

Un’occasione unica

“I Trisome Games rappresentano un’occasione unica, la prima in assoluto. Si tratta di una specie di Olimpiade, anche se chiamarla così forse è improprio, riservata ad atleti con sindrome di down. Avremo a Firenze, dal 15 al 22 luglio, 830 persone circa fra atleti e team official di squadre che gareggeranno nel nuoto, nuoto sincronizzato, calcio a 5, atletica leggera, tennis, tennistavolo, ginnastica ritmica, ginnastica artistica e judo. Sarà quindi una vera e propria Olimpiade; se noi pensiamo che a Torino nel 2006 ci furono circa 800 atleti in 5 discipline sportive, noi ora ne abbiamo di più in quasi il doppio delle discipline. Sarà un evento importante per noi toscani ed un orgoglio ospitare questa prima, perché se tutti noi pensiamo alle Paralimpiadi diciamo ‘Nel 1960 a Roma ci furono…’
Ecco l’idea che nel 2050 qualcuno dica ‘Nel 2016 a Firenze ci furono le prime Olimpiadi dei Down’ ci darebbe molto piacere e ci riempirebbe ancor più di orgoglio.”

Perché Firenze

“Una cosa è certa, come io dico più volte quando mi fanno questa domanda ‘Perché a Firenze’: io da atleta paralimpico prima ho visto come le città cambiano quando arrivano così tanti atleti in carrozzina e così tante persone con problemi deambulatori. Ecco, io spero e sogno che Firenze dopo i Trisome Games sarà una città diversa, una città più accogliente ed una città che vedrà nella sindrome di down non più un qualcosa da guardare con stupore o con diffidenza ma come una realtà importante. Per questo abbiamo voluto, e la ringrazio ancora, come madrina dell’evento Matilde Renzi, che ‘incidentalmente’ è la sorella del Premier ma di fatto è una persona eccezionale che con il marito ha deciso di adottare, dopo due figli, una bambina down. E quindi chapeau al coraggio, perché lei non ha accettato un dono del cielo, lei ha scelto di avere una figlia down.”

“Nicole Orlando è la nostra testimonial e da poco a Firenze è stata nominata, e per una donna non accadeva da 70 anni, “Leggiadra dama del calcio storico fiorentino”. Credo che questa sia una cosa veramente importante per una città come Firenze che ospita il mondo da sempre e quindi questo gli consentirà di ospitare d’ora in poi proprio tutto il mondo.”