Centro Argos – 1a Puntata

Il centro Argos di Nettuno (Roma) e la cura di tutti i problemi legati alla pluridisabilità di bambini e ragazzi fino a 18 anni.

Il centro si occupa di minori con residuo visivo molto basso, ai limiti della cecità, utilizzando terapie riabilitative mirate che devono tener conto anche degli altri problemi derivanti appunto dalla pluridisabilità dei soggetti, problemi ad esempio di ritardo motorio o cognitivo. I piccoli pazienti sono, nel novanta per cento dei casi, bambini nati prematuri.

Le patologie che affliggono i bambini nell´età evolutiva, ci informa il Dott. Enrico Bisante, oculista e direttore sanitario del centro, possono essere classificate in due grandi categorie:

  • Congenite, quali cataratte, glaucoma, neoplastiche (come ad esempio il retino blastoma). Si tratta di patologie su cui oggi, se riconosciute in tempo, si può intervenire sia da un punto di vista medico che chirurgico.
  • Acquisite nell´età evolutiva.

Oggi è possibile garantire la sopravvivenza di bambini nati anche prima dei sei, sette mesi di vita intrauterina, ma a queste patologie spesso si accompagnano altri problemi di ordine generale, come ad esempio danni al sistema nervoso centrale, ed è quindi necessario intervenire con progetti riabilitativi pluridisciplinari. In entrambi i casi è comunque essenziale una diagnosi precoce e un intervento rapido.

La famiglia del piccolo paziente è spesso colpita da quello che tecnicamente viene definito come “uno stato di lutto” nel momento in cui si rende conto che il bambino ha dei gravi problemi di ritardo mentale e motorio legati a problemi di vista. Per questo all´interno dell´equipe del centro c´è anche uno psicologo con il preciso compito di aiutare e sostenere i genitori del piccolo paziente, per prepararli al difficile compito che li aspetta, integrando e completando quindi il lavoro di assistenza morale e informativa che il centro Argos assicura nei suoi progetti riabilitativi.

Il centro riceve naturalmente bambini che provengono da tutta Italia, non solo dal territorio pontino, e proprio per questi prevede dei programmi specifici di una settimana, con l´intervento di figure professionali specifiche, che si definiscono “soggiorni di intervento precoce” durante i quali anche la famiglia alloggia nel centro e segue i corsi riabilitativi.

Il centro è situato in via S. Maria Goretti, 78° ed è possibile chiedere informazioni nei giorni dispari chiamando i numeri  06.9858484 (Sig.ra Michela) o 06.9858782.