Campionati Italiani Tennis Tavolo per paralimpici

Il 18 e 19 marzo 2011 si sono svolti a Lignano Sabbiadoro i campionati italiani per società di tennistavolo paralimpico. Alla manifestazione hanno preso parte 109 atleti disabili e 41 società; in particolare alcuni dei migliori atleti nazionali  come Pamela Pezzato, Clara Podda, Federica Cudia, Michela Brunelli, Salvatore Caci e Valeria Zorzetto che hanno partecipato a diverse paralimpiadi e il recente vincitore del meeting di Budapest Andrea Borgato.

LA MANIFESTAZIONE – Una veloca carrellata di immagini mostrano molti atleti di varie classi, da 1 a 5 seduti in carrozzina, da 6 a 10 in piedi, mentre si confrontano sui tavoli da gioco nel palazzotto dello sport della struttura Ge.Tur. sotto i vigili occhi degli arbitri.

MARISA NARDELLI CONTRO FABRIZIO BOVE – Con il commento tecnico di Patrizia Saccà Ability Channel segue l´incontro tra questi due atleti in carrozzina.

Marisa Lardelli, atleta poliomelitica, è un´attacante pura dal gioco pulito, che usa gomme liscie sulla racchetta, molto completa, infatti gioca di taglio, topspin, dritto e rovescio. E´ una giocatrice emotiva, capace di vincere tutto come di perdere tutto.

Fabrizio Bove è un amputato, forte tecnicamente ma forse non altrettanto strategicamente, motivo per il quale non è ancora riuscito a ottenere grandi risultati.

Patrizia Saccà spiega la tecnica di alcuni colpi e come e perché vengono eseguiti, a cominciare dai diversi tipi di servizio. Inoltre sottolinea l´importanza di colpi molto profondi per mettere più in difficoltà il proprio avversario.

Marisa Lardelli è una “classe 5” la categoria massima tra quelle in carrozzina, caratterizzata da una maggior muscolatura dorsale e addominale che consente movimenti che a classi inferiori sono più limitati. Fabrizio Bove, essendo amputato ad entrambi gli arti, gioca anche lui in classe 5.

Uno dei momenti più importanti della partita è il “time out”, che consente agli allenatori di fornire aiuti e suggerimenti tecnici e psicologici nelle fasi più critiche dell´incontro.

Marisa Lardelli è stata una grandissima atleta, in particolare a Barcellona fece cose straordinarie, ma ora incontra difficoltà quando si deve confrontare con le nuove leve.

DAL CIP ALLA FITET – Paolo Puglisi, delegato del Comitato Italiano Paralimpico alla FITET, sottolinea i benefici derivati dalla nuova appartenenza alla Federazione tennistavolo che ha consentito di portare nuovi iscritti al tennistavolo paralimpico. Una novità molto importante, voluta dal Presidente Sciannimanico, è l´introduzione di un montepremi per il torneo, che rappresenta un incentivo in più per le società che sostengono costi notevoli per partecipare alle gare.

Paolo Puglisi conclude informando che sono già in corso competizioni internazionali valide per la qualificazione alle prossime Paralimpiadi di Londra, l´obiettivo più ambito per ogni giocatore. Sotto la guida del tecnico federale Alessandro Arcigli gli atleti dovranno allenarsi, allenarsi, allenarsi…