Verona accessibile grazie a Progetto Yeah!

Progetto Yeah Verona

Durante l’ultima fiera di Vicenza, abbiamo parlato molto di accessibilità e della necessità di rendere fruibile qualsiasi città ai turisti disabili, che –lo ricordiamo- sono ben 140 milioni in tutta Europa! Allora, mentre Venezia si attrezza con barche e taxi per disabili e permette alle persone in carrozzina di visitare la maggior parte dei suoi musei, anche la città di Verona apre le porte ai turisti con disabilità sensoriali, mentali o fisiche. Lo fa, in particolare, attraverso lo spin-off della cooperativa Quid “Progetto Yeah!” che è un centro di formazione e consulenza specializzato su come:

  • valutare l’accessibilità di una struttura e fornire indicazioni sull’abbattimento delle barriere architettoniche;
  • promuoverla a una nuova e larga fetta di mercato, quella dei disabili appunto;
  • formare il personale per rispondere in modo pronto ed adeguato alle esigenze specifiche degli ospiti;
  • comunicare sul proprio sito web senza escludere chi ha deficit visivi o linguistici.

Per capire meglio, diamo la parola a Marco Andreoli della Cooperativa Quid.

Progetto Yeah a Gardaland!

Progetto Yeah coglie anche l’occasione per invitare tutti i lettori di Ability Channel all’evento “Lanciati oltre i limiti!” dove testimonial d’eccezione racconteranno le loro storie. Qualche esempio? L’arrampicatore non vedente Simone Salvagnin e la coppia di ballerini di salsa acrobatica Elena Travaini e Anthony Carollo. L’appuntamento è al Gardaland Theatre, il prossimo 9 maggio alle 14.30. Per chi parteciperà all’evento, ci sarà uno sconto sul biglietto di ingresso al parco!