Tiro Con L’Arco Torino – Mondiali 2011

Tiro con l'arco Torino 2011

Prendono il via l’11 luglio i campionati mondiali di tiro con l’arco Torino 2011 organizzati dalla FITarco e dal COL Torino 2011 presieduto da Tiziana Nasi. La manifestazione si svolgerà nella Palazzina di Caccia di Stupinigi, mentre le finali saranno disputate a Piazza Castello a Torino. I campionati sono validi per la qualificazione alle prossime Paralimpiadi di Londra 2012.

Tiro con l’arco Torino 2011: i campi di gara

Le gare si svolgeranno in due differenti locations: nella Palazzina di Caccia di Stupinigi, residenza sabauda e patrimonio dell’umanità opera dell’architetto Filippo Iuvarra, uno dei massimi esponenti del barocco vissuto a cavallo del 1600-1700, e nella centralissima piazza Castello, il cuore di Torino dove affaccia, tra l’altro, il Palazzo Reale.

Tiro con l’arco Torino 2011: Comitato Italiano Paralimpico e Fitarco

Il tiro con l’arco per persone disabili, in seguito ad un protocollo d’intesa tra il CIP – Comitato Italiano Paralimpico e FITarco – Federazione Italiana di tiro con l’arco, è passato sotto la guida e responsabilità della stessa FITarco, anche se le gare internazionali sono governate dall’International Paralympic Archery Committee.

Tiro con l’arco Torino 2011: gli arcieri azzurri

Tiro con l'arco Torino 2011

categoria open femminile: arcieri con disabilità differenti tra loro

  • Ifigenia Neri
  • Santina Pertesana
  • Roberta Cascio

categoria W2 femminile: arcieri in carrozzina con paraplegia o amputazioni agli arti inferiori

  • Elisabetta Mjino
  • Mariangela Perna
  • Veronica Floreno

categoria W2 maschile: arcieri in carrozzina con paraplegia o amputazioni agli arti inferiori

  • Oscar De Pellegrin
  • Marco Vitale
  • Vittorio Bartoli

categoria Standing maschile: arcieri che possono tirare stando in piedi

  • Mario Esposito
  • Angelo Cacciari
  • Ezio Luvisetto

categoria compound maschile: arcieri con arco compound

  • Alberto Simonelli
  • Mirko Benetti
  • Lorenzo Schieda

categoria W1 maschile: arcieri tetraplegici

  • Fabio Azzolini
  • Gabriele Ferrandi

Tiro con l’arco Torino 2011: le regole

Tiro con l'arco Torino 2011

Alle paralimpiadi le competizioni di tiro con l’arco si svolgono tirando ad un bersaglio posto a 70 metri. Il diametro è di 122 centimetri. Il punteggio va da un minimo di 1 ad un massimo di 10 a seconda di quale dei cerchi concentrici viene colpito dalla freccia. Il cerchio più esterno assegna il punteggio più basso, mentre quello più interno assegna il punteggio più elevato. Qualora la freccia toccasse la linea di separazione tra due cerchi, si assegna il valore del cerchio più interno.

Nella fase di qualificazione ogni arciere, disabile o normodotato,  tira 12 voleè di 6 freccie. Successivamente, come nel tennis, viene realizzato un tabellone ad eliminazione diretta. Dai quarti di finale in poi ogni atleta ha a disposizione quattro voleè di tre freccie.

Tiro con l’arco Torino 2011: arco e frecce

L’arco è ormai realizzato con materiali ad alto contenuto tecnologico: l’alluminio continua ad essere quello più utilizzato anche se ora si producono archi in fibra di carbonio. Alcune componenti però sono ancora costituite anche in legno.

Le frecce una volta erano in legno, adesso si usano delle frecce in carbonio e alluminio. Comunque tuttora si usano diversi tipi di materiale e le dimensioni della freccia sono sempre in relazione alle caratteristiche fisiche dell’arciere.

Tiro con l’arco Torino 2011: cenni storici

 

Il tiro con l’arco per persone disabili fu sperimentato la prima volta in Inghilterra all’ospedale di Stoke Mandeville nel lontano 1948. Alla prima edizione delle paralimpiadi di Roma nel 1960 fu uno degli sport principali. Nel 2009 erano oltre 37 le nazioni coinvolte in questa disciplina.