Una vita nello sport – Nicole Orlando

Tra pochi giorni avranno inizio i Trisome Games, una grande manifestazione che sarà il primo evento sportivo dedicato esclusivamente ad atleti con la Sindrome di Down. In occasione della Conferenza di presentazione dei Giochi, noi di Ability Channel abbiamo incontrato la campionessa paralimpica Nicole Orlando, testimonial dell’evento. 

Il Presidente della Repubblica

E’ successo che a Capodanno sono rimasta in Piemonte, dove con i miei amici abbiamo fatto una festa. In quell’occasione ho visto il Presidente della Repubblica in televisione che ha citato il mio nome. Io mi sono emozionata nel sentirlo pronunciare insieme a quello di altri atleti italiani, sono stata contentissima.

Lo sport

Da piccola ho iniziato con la ginnastica e con il nuoto. L’anno scorso invece facevo basket, tennis e golf, poi ho fatto tiro con l’arco, tennistavolo, ping pong, ed ora sto facendo atletica.

Mi alleno tre o quattro volte a settimana, devo concentrarmi per fare bene, devo unire pensiero, cuore e la passione che ho per lo sport.

La maglia della Nazionale

Indossare la maglia dell’Italia mi piace molto, ho diverse divise dell’Italia, compreso il borsone. Mi piace molto stare con i miei compagni in Nazionale; insieme dobbiamo fare bene ed essere più forti degli altri.

La scuola

Facevo il Liceo tecnologico all’ITI e all’esame di maturità ho preso 100 perché avevo studiato davvero tantissimo. Ora che ho finito la scuola mi sto dedicando molto agli allenamenti ed alla mia famiglia.

La famiglia

Ho dedicato la vittoria a mia nonna che adesso non c’è più, è scomparsa a Luglio scorso. Volevo che lei mi accompagnasse in Sud Africa, ed anche se non ha potuto a lei ho dedicato tutto, anche i miei balli a “Ballando con le stelle”.

Ballare

Quando ballo seguo la musica e sento il bisogno di lasciarmi andare. Voglio essere una donna femminile ma allo stesso modo mi piace scatenarmi e vestirmi bene.

Essere famosi

Sono stata a Sanremo dove ho visto Carlo Conti, Gabriel Garko (di cui adesso è meglio non parlare). C’era tanta gente, l’orchestra che suonava, ed i miei cantanti preferiti tra cui i Pooh, Lorenzo Fragola, Francesca Michelin che ho anche abbracciato.

Il futuro

Vorrei fare l’attrice o la segretaria, ma sono ancora indecisa ovviamente. Mi piace stare con la mia famiglia e soprattutto stare vicino a mio nonno che è rimasto da solo; lui mi supporta tantissimo, mi capisce, ed anche lui sarà a Firenze insieme a mio papà e a mia sorella.

Mia nonna è nel cielo che mi guarda mentre vivo la mia vita, ed io ora mi devo concentrare sugli allenamenti. E poi magari piano piano piano troverò anche un ragazzo che mi piace, però giovane, non un vecchietto!