Roberto Valori presenta l’inno ufficiale della FINP

Si sono aperti i campionati italiani di società di nuoto paralimpico con l’inno ufficiale che con grande orgoglio solo questa federazione ha…ne parliamo con il presidente della Federazione Italiana di Nuoto Paralimpico Roberto Valori

“Se mi avessero detto che dopo tre anni di attività avremmo avuto, oltre alle tante cose che sono state fatte, anche l’inno…non ci avrei creduto – confessa il presidente della Finp Roberto Valori. A me piaceva l’idea di un inno, abbiamo trovato Leonardo Di Lorenzo, l’artista che ci ha scritto questa bellissima composizione molto solenne…ci voleva, ci voleva…”

Roberto Valori

L’incontro con Leonardo Di Lorenzo

“L’incontro – racconta Roberto Valori – è avvenuto in tempi non sospetti, a Londra, la sera in un momento di riposo durante le paralimpiadi…in un pub con Giada Lorusso del nostro Ufficio Stampa…ci siamo conosciuti davanti ad una birra e siamo entrati subito in simpatia…sono quelle cose che nascono così per caso, che poi sono le cose più belle. Penso che anche artisticamente paralndo, non dico che si sia ispirato proprio a quella serata – sarei troppo romantico – all’idea che si era fatto del movimento anche attraverso il nostro approccio. Ne è venuta una cosa scritta davvero con il cuore…”

I numeri dei campionati

finpCoppa Italia di Nuoto Paralimpico Trofeo Giovanni Pische, 232 atleti, 34 società provenienti da tutta Italia tra cui le più numerose la SSD Santa Lucia di Roma, la Polisportiva Bresciana No Frontiere e il Circolo Canottieri Aniene di Roma; anche la presenza di un coordinatore tecnico nazionale, 4 allenatori nazionali e 70 membri dello staff…

“Ci sono qui tutti gli allenatori nazionali, ci sono anche gli allenatori delle società – ricorda Roberto Valori – allenatori che si sono distinti con atleti molto bravi, molto forti. Il nostro coordinatore nazionale Riccardo vernole si avvale di preziosissime collaborazioni con allenatori anche se non fanno direttamente parte dello staff nazionale e questo è molto importante…sono persone con un patrimonio tecnico e una conoscenza del movimento impressionante…”

Giovani atleti, grandi prospettive

“Rispetto alle altre federazioni – sottolinea Roberto Valori – ci troviamo in una situazione privilegiata perchè si sa benissimo che il nuoto ha una propria propedeucità, perchè è consigliato, quindi…Poi anche la Federazione è stata brava nel ricercare nuovi atleti; questo ci rende molto felici perchè la combinazione di questi fattori fa si che abbiamo gli atleti più giovani fra tutte le federazioni paralimpiche italiane. Anche a Londra la formazione del nuoto era la più giovane fra tutte le discipline paralimpiche…”

Robero Valori

19 record nella giornata di sabato

“19 record sono tantissimi: dietro questi grandi numeri si nasconde il fatto che l’interpretazione tecnico-politica è valida, che possiamo ancora crescere…poi quando non si limerà più o si limerà meno sarà più difficile ottenere risultati prestativi di livello. Adesso se i record sono tanti vuol dire che lavoriamo nella direzione giusta…peraltro se andate a vedere chi ha fatto i record sono tutti atleti molto giovani”.

Le prossime manifestazioni

“Napoli nella seconda settimana di Luglio e poi abbiamo i campionati del mondo in Canada dal 12 al 18 di Agosto che ci vedranno, speriamo, protagonisti. Confidiamo in qualche nome nuovo e cominciamo a lavorare in prospettiva di Rio 2016”.

La presenza di Rosolino e di atleti di altre discipline

Robero Valori“Fa piacere che il nuoto possa essere una disciplina che, indipendentemente dal fatto che venga praticata, possa anche piacere come l’atletica e il basket – prosegue Roberto Valori – Poi avere nomi importanti come quello di Oxana Corso che conosco bene perchè la vedo sui campi di atletica avendo anch’io una figlia che fa atletica…ho avuto modo di apprezzare il carattere meraviglioso di questa ragazza, un vulcano, una persona eccezzionale, innamorata del nuoto…lei sostiene che il primo vero amore è stato il nuoto…non me ne voglia il presidente Porru, è una grande atleta e abbiamo visto anche l’altro ieri i risultati, i due argenti di Londra…”

L’integrazione con i normodotati

“Hanno fatto il Golden Gala…hanno avuto modo di portare nomi importanti in una manifestazione olimpica, quello che succederà a noi con il Sette Colli la serttimana prossima dove avremo due finali dirette open il pomeriggio del venerdì e il pomeriggio del sabato, maschile e femminile all’interno di una prestigiosissima manifestazione e l’occasione è gradita per ringraziare sempre il lavoro che sta facendo la FIN, la Federazione Italiana Nuoto – conclude Roberto Valori – che ci ha permesso di entrare a far parte di questo grande evento con lo slogan che, veramente, il nuoto…è uno solo!”