Luigia Vivenzio | Giovane promessa del Nuoto Paralimpico

Da Napoli a Varese per partecipare ai Campionati Italiani Giovanili di Nuoto Paralimpico Luigia Vivenzio è il fresco record italiano assoluto nei 100 metri stile libero categoria S12.

Quanto ti alleni in vasca e fuori?

“…6 giorni su 7 in vasca per circa 1 ora e 1/2 al giorno e invece in palestra per 3 giorni a settimana per un’ora giusto per potenziare tutto il corpo, un allenamento più leggero rispetto a quello che faccio in vasca…”

Cos’è per te la competizione come la vivi in gara?

“…Bella domanda, innanzi tutto è una competizione verso me stessa cercando di superare i miei limiti, non riesco a vedere l’avversario come persona da battere, quindi mi concentro solo su me stessa e a battere solo il mio limite, quindi rispetto al tempo che ho fatto in precedenza, oppure rispetto all’allenamento, quindi quanto mi sono allenata, quanto rendo o quanto voglio rendere, e che tutti i miei sacrifici rendano…”

luigia vivenzio

Hai detto che non hai dei veri e propri avversari, hai legato con qualcuno in particolare del nuoto paralimpico?

“…Diciamo un po’ con tutti, sono quattro anni che frequento questo mondo, quindi fare conoscenze e ogni volta che ci rincontriamo fa sempre piacere, ho avuto occasione di legare un po’ di più con qualcuno quando sono stata a Brno in occasione degli Europei, li abbiamo avuto modo di condividere più esperienze, mentre invece qui le gare sono veloci c’è meno tempo, per poter parlare, si è concentrati molto di più sulla gara, però è sempre un piacere incontrarli sul bordo vasca, fargli un sorriso…”

Fino ad ora qual è la tua più grande soddisfazione agonistica?

“…Essere qui prima di tutto, perché non me lo sarai mai immaginato di intraprendere questo mondo, quindi già esserci per me è una soddisfazione, aver partecipato ad un europeo giovanile a Brno anche  quella è stata una soddisfazione, per partecipare ad un evento internazionale non era proprio nei miei sogni, o meglio era nei miei sogni ma non nelle mie aspettative a breve, spero in futuro di poter partecipare ad un altro evento…”

luigia vivenzio

Quindi nelle specifico, quali sono i tuoi obiettivi nello sport e nella vita?

“…Nello sport mi piacerebbe poter partecipare ad un altro evento internazionale, nella vita vorrei diventare una maestra, sono iscritta al terzo anno di scienze della formazione primaria, quindi dedico molto tempo anche allo studio perché c’è bisogno di fare il tirocinio, ci sono quattro anni di corsi di laurea, poi di specializzazione, quindi gran parte del tempo lo passo a studiare in facoltà perché c’è bisogno della frequenza, e quindi nel tempo libero nuoto, diciamo non è un tempo libero perché poco è molto poco, cerco di coltivare anche i miei hobby, mi piace molto il teatro, la recitazione, quindi quando possibile fra gli amici ci dilettiamo a fare teatro…”

Tanti allenamenti, lo studio, qualche hobby, cosa potrebbe ripagare tutti i sacrifici che hai fatto finora?

“…Passo dopo passo, di volta in volta, riuscire a raggiungere i vari obiettivi che mi pongo, quindi per me ogni volta è essere ripagata, e raggiungere il mio obbiettivo è il mio scopo…”