Presentati i mondiali di atletica leggera paralimpica: DOHA 2015

mondiali doha

La Fispes, Federazione Italiana Sport Paralimpici e Sperimentali, ha reso ufficiale la lista dei convocati che indosseranno la maglia azzurra in occasione dei Campionati Mondiali Paralimpici di Atletica leggera in programma a Doha, in Qatar, dal 21 al 31 ottobre.

La squadra azzurra

In occasione della Conferenza tenutasi presso il Comitato Italiano Paralimpico in data odierna (12/09/2015), sono stati presentati i 13 atleti selezionati dallo staff tecnico nazionale per rappresentare l’Italia in questa nuova grande sfida, una squadra che ha una rappresentanza per lo più, ma non unicamente, femminile:

Martina Caironi, primatista e campionessa mondiale dei 100 metri e salto in lungo;
Assunta Legnante, della fuoriclasse del peso F11;
Oxana Corso, doppio argento paralimpico dello sprint T35;
Carmen Acunto, veterana dei lanci F55;
Giusy Versace, la plurititolata tricolore T43 con la sua collega di categoria Federica Maspero.

A loro si aggiungeranno l’esordiente T42 Monica Contraffatto, ex militare in Afghanistan al debutto in una competizione internazionale, e Arjola Dedaj, due argenti ed un bronzo T11 agli Europei di Swansea dello scorso anno.

Tra i 5 uomini spicca Alvise de Vidi, l’atleta più medagliato nella storia paralimpica italiana che sarà al via dei 100 e 400 T51, Ruud Koutiki, l’oro europeo dei 400 T20 e Roberto La Barbera, argento di Atene 2004, pronto per il lungo T44.

Nello sprint della stessa categoria ci sarà Emanuele di Marino, mentre Oney Tapia, secondo nel ranking mondiale del disco F11, farà il suo debutto internazionale nella squadra degli Azzurri.

Gli interventi

mondiali dohaCome afferma lo stesso Presidente del CIP Luca Pancalli, il Comitato ripone diverse speranze in questi ragazzi, dai quali si aspetta molto impegno e dedizione ritenendo che la carriera paralimpica sia in grado di lasciare un segno importante in uno scenario di competitività sempre crescente.
Pancalli ha proseguito sottolinenado come questi giovani atleti abbiano una responsabilità rappresentativa oltre che sportiva: “Dietro ogni vostra medaglia ed ogni vostro successo si nascondono i sogni di qualcuno che vi guarda da casa: Voi siete un esempio vincente, in termini di speranza”.

Per il Presidente della Fispes Sandrino Porru, i mondiali di Doha rappresentano una sfida interessante che servirà a consolidare delle già salde fondamenta: “Credo di rappresentare una squadra con la S maiuscola, – continua il Presidente della Fispes – una squadra per la quale è importante trasmettere il proprio messaggio in maniera corretta: sentirsi persone migliori alla fine di ogni competizione, persone più forti”.

Il Segretario generale del CIP Marco Giunio De Sanctis, sottolinea invece l’aumentato numero di discipline sportive coinvolte: 22 sport paralimpici, 14 dei quali vedono la partecipazione degli Azzurri. Tra quelle degne di citazione il canottaggio, il tiro con l’arco, l’equitazione, la scherma ed il triathlon.

Presente anche Gennaro Verni, Direttore Tecnico del Centro Protesi INAIL che rappresenta un sostegno determinante soprattutto per gli atleti portatori di protesi.

Una giornata importante quindi, che ha visto come protagonisti la forza di volontà e l’impegno di quella che è stata definita da tutti una “grande famiglia”.