Pari Opportunità Disabili: Anche i disabili prendono i cazzotti

Ci sono delle situazioni in cui le pari opportunità disabili sono diventate una realtà: i cazzotti per strada. Come segnalato da Samuele Gobbi, candidato a rappresentare l’Italia alle prossime Paralimpiadi di Londra nell’atletica leggera, il giornale La Tribuna di Treviso riporta la notizia di una persona disabile presa a pugni dopo un incidente automobilistico.

Pari Opportunità Disabili: Giandomenico Sartor

Viene spontaneo chiedersi  se invece di Giandomenico Sartor, atleta disabile paraplegico dell’Aspea Padova, campione italiano di atletica leggera in differenti discipline (100mt, 200mt e 400mt), dalla faccia pulita e buona, l’aggressore, che chiameremo il giustiziere”, avesse incontrato un vero bastardo, magari con qualche cicatrice sul volto e con accento straniero, come si sarebbe comportato? Forse non l’avrebbe affrontato, anzi, ne siamo sicuri, lo avrebbe “discriminato”, ignorandolo o trattandolo come si fa con una persona incapace di intendere e volere. O forse le avrebbe prese…

Pari opportunità disabili

Pari Opportunità Disabili: Un Banale Incidente

E’ un sabato pomeriggio a Borgo Treviso, vicino Castelfranco. Giandomenico Sartor torna a casa guidando, da solo, la sua vettura, una Ford Focus. C’è traffico ed è  fermo in fila. Davanti ad una gelateria. Dal parcheggio della stessa si immette nella strada principale, che porta al centro di Castelfranco, un auto che, senza dare la precedenza, come previsto dal codice della strada, impatta contro il mezzo guidato da Giandomenico Sartor.

Giandomenico Sartor racconta che l’auto in questione è uscita all’ultimo istante, sgommando, mentre lui era già in movimento. Succede…

Ti è mai capitato che mentre transiti su una strada all’improvviso, da una via laterale,  qualcuno si immette sul tratto che stai percorrendo? Certamente si. In genere  questo qualcuno aspetta che tu arrivi quasi a tiro per buttarsi intrepidamente davanti a te,  per precederti, fatto assolutamente fondamentale, e  talvolta marciare poi con un ritmo molto più lento del tuo. Una provocazione.

Pari opportunità disabili

Pari Opportunità Disabili: Il Giustiziere

Ma torniamo a Castlefranco. Il giustiziere avrà pensato che Giandomenico Sartor avrebbe frenato in tempo, che avrebbe dato la precedenza. Invece ha calcolato male. E’ probabile che i calcoli non siano il suo forte. Nonostante il tentativo di frenata da parte di Giandomenico, lo scontro è stato inevitabile.

Fin quisi fa per dire, tutto normale. Cose che accadono. Una stretta di mano, una constatazione amichevole e poi che si scannassero le assicurazioni! Almeno questo dovrebbe avvenire in un paese civile.

Invece, forse sotto l’effetto del pistacchio o della fragola, il  giustiziere si scatena.

Arresta la vettura. Scende e comincia a correre verso la Ford Focus di Giandomenico Sartor, il quale – ma in che mondo vivi Giandomenico? – stava abbassando il finestrino per scusarsi (ma di chi è la colpa?).  Il giustiziere urla, sbraita in dialetto. Ma la giustizia si fa con i fatti, non solo a parole. Tira un gran pugno colpendo Giandomenico Sartor tra il naso e lo zigomo mettendolo ko. Il giustiziere  una volta mandato al tappeto il povero Sartor, si da alla fuga.

Pari Opportunità Disabili: L’indifferenza dei passanti

Si dice che si fa gli affari propri “campa” cent’anni… infatti nessuno dei testimoni – Giandomenico era in fila nel traffico, ricordi? – interviene. Anzi c’è chi suona perché la Focus intralcia il traffico. Dopo il cazzotto, per qualche istante Giandomenico rimane stordito. Questo impedisce il rilevamento del numero di targa del giustiziere. Ai carabinieri dirà successivamente di ricordare solo che era una piccola utilitaria scura, tipo Peugeot 106 o Lupo. Comunque, ritrovate le forze, Giandomenico che è troppo forte per essere abbattuto dal giustiziere,  guadagna la via di casa prima ed il pronto soccorso dopo. Per fortuna non riporta fratture.

Pari opportunità disabili

Pari Opportunità Disabili: La legge della strada

Caro Giandomenico, non vorrai mica che qualcuno si faccia avanti per testimoniare? Vuoi togliere dalla strada un giustiziere così utile alla società? Vuoi far diventare eroi degli inermi cittadini che quella sera sono tornati a casa dai propri cari felici e sereni? No Giandomenico. Tu devi solo essere felice. Sei un esempio concreto dell’abbattimento delle barriere culturali. Sei stato trattato da “normodotato”. Nessuno ha fatto caso alla tua disabilità.

Nessuno vuole stabilire chi avesse ragione, peraltro fortunatamente l’incidente era davvero banale. Si vuole solo rimarcare l’imbarazzante, vergognoso comportamento del giustiziere e, soprattutto, di voi, inermi cittadini, che avete assistito alla scena con indifferenza assoluta, e poi si parla di pari opportunità disabili? A voi cittadini inermi ed indifferenti auguriamo di cuore di non trovarvi mai al posto di Giandomenico, al quale, siatene certi, un cazzotto non lascia alcun segno, mentre a voi provocherebbe sicuramente traumi duri da superare.

Caro Giustiziere, ricorda: purtroppo non sei il solo matto in circolazione! La prossima volta, fai più attenzione, i cittadini inermi potrebbero assistere indifferenti e la polizia potrebbe non arrivare in tempo…così è la tua legge, la dura legge della strada…

Pari Opportunità Disabili, incredibile vero? Non ci si crede che nel mondo di oggi possano succedere certe cose, eppure accadono, se anche tu ritieni che questo argomento si interessante e meriti un approfondimento o una discussione entra nel forum di Ability Channel e raccontaci la tua esperienza a riguardo, se hai subito delle ingustizie, delle scortesie da parte delle persone, o più semplicemente se vuoi dire la tua, lascia semplicemente un tuo commento nello spazio sottostante.