L’Italia vince sei medaglie ai mondiali Inas di Atletica leggera Indoor

Mondiali Inas Indoor 2016
Grande protagonista la nazionale azzurra ai Mondiali Inas di Atletica leggera Indoor, una manifestazione riservata ad atleti con disabilità intellettivo-relazionali. Davanti ad un pubblico caloroso e presente la rappresentativa italiana, guidata da Mauro Ficerai, ha conquistato sei medaglie: un oro, tre argenti e due bronzi. 

I campioni sul podio

Sul gradino più alto del podio è salito Raffaele Di Maggio: palermitano all’esordio con la nazionale azzurra FISDIR, 15 anni compiuti da pochissimo, si è aggiudicato il nuovo record italiano FIDAL nella categoria cadetti con un tempo di 7’’11 nei 60 metri. Una medaglia d’oro conquistata al primo tentativo che ha regalato un sorriso non solo alla Federazione ma anche a tutti il Comitato Paralimpico Italiano, che d’ora in poi potrà contare sul talento di un ragazzo così giovane e capace.

Sulla pista del Palaindoor Raffaele Di Maggio, che si era già messo in luce la scorsa stagione con il quarto posto tricolore a Sulmona negli 80 metri all’aperto, è anche stato il primo frazionista della staffetta 4×200 italiana che è arrivata seconda in 1:38.67, dopo aver passato il testimone a Ruud Koutiki, Gaetano Schimmenti e Antonio Di Mauro, dietro alla Spagna ma davanti ai quotati portoghesi.

Negli 800 femminili Laura Dotto, anche lei esordiente, ha vinto il primo argento mondiale individuale della sua carriera in 2:54.61, mentre la gara è stata dominata dall’olandese Kerkhove con 2:29.95. La staffetta 4×400 è d’argento alle spalle delle portoghesi, quella 4×200 è di bronzo e ad incrementare il medagliere italiano ci hanno pensato anche Giulia Cataldo, Florence Repetto e Marta Bidoia.

Organizzata dall’Anthropos, la manifestazione si è conclusa con 4 record mondiali infranti : la croata Mikela Ristoski, votata migliore prestazione femminile del mondiale, ha allungato la fettuccia a 11 e 66 nel triplo, mentre il capoverdiano Gracelino Barbosa e la polacca Karolina Kucharczyc nei 60 ostacoli hanno fermato il crono a 8’’49 e 9’’19. Il norvegese Berger Bjorn Oivind nel salto con l’asta è arrivato a toccare i 4 metri e 61 centimetri prendendosi anche il titolo di migliore performance maschile della manifestazione.

Ana Filipe (Portogallo) e Dionibel Rodriguez (Spagna) si sono aggiudicati il titolo di migliori atleti dell’edizione 2016 dei Mondiali Inas di Atletica Indoor.

“La giovane età della nostra rappresentativa è l’elemento che più conforta gli ottimi risultati ottenuti in questa edizione dei Mondiali Indoor di Atletica” – le parole del Presidente Fisdir Marco Borzacchini, che prosegue – “Abbiamo vissuto momenti esaltanti di atletica leggera, coronati da sei medaglie che ci fanno stare allo stesso livello dei migliori. Ora però c’è bisogno ci continuare a lavorare per ottenere risultati sempre migliori”.