Un eroe tra gli eroi – Il colonnello Calcagni al Monte Grappa Bike Day

60 chilometri di percorso. 1850 metri di dislivello. 10.000 partecipanti. Questi in sintesi i numeri del Monte Grappa Bike Day, manifestazione ciclistica giunta alla sua quinta edizione ed in occasione della quale viene deposta una corona presso il Sacrario monumentale militare per commemorare gli oltre 20.000 soldati caduti nella terribile battaglia che si svolse verso la fine della prima guerra mondiale.

Carlo Calcagni

La battaglia del Solstizio sul Monte Grappa

Dopo la sconfitta di Caporetto alla fine del 1917 l’esercito italiano, al comando del generale Cadorna, aveva ripiegato sul Monte Grappa costituendo l’ultima linea difensiva in grado di sbarrare la strada verso la pianura Padana all’esercito austriaco. Iniziò la battaglia del Solstizio che vide la sua prima conclusione nel giugno del 1918 quando le truppe nemiche furono definitivamente respinte. Dopo un breve periodo di relativa calma in ottobre l’esercito italiano, nell’ambito delle operazioni della battaglia di Vittorio Veneto  condusse una vittoriosa controffensiva che costrinse gli austriaci alla ritirata. 

E’ toccato ad un eroe dei nostri tempi, al colonnello del ruolo d’onore dell’esercito, Carlo Calcagni, testimonial ufficiale di questa straordinaria manifestazione, rendere onore agli eroi italiani ed austriaci che si combatterono con grande ardore e immenso coraggio tra queste suggestive montagne poste tra il canale del Brenta e la valle del Piave.

La deposizione della corona

Carlo CalcagniCon il suo inseparabile triciclo, con il concentratore dell’ossigeno sempre in funzione, il nostro atleta del Gruppo Sportivo Paralimpico della Difesa, percorrendo l’antica strada di montagna che il generale Giardino fece costruire per consentire l’arrivo dei rifornimenti al riparo dai colpi di artiglieria nemica, ha trasportato da Bassano del Grappa fino alla cima del Monte Grappa la corona da deporre al Sacrario militare tra gli applausi dei tantissimi sportivi che hanno preso parte a questo grande evento di sport. Il colonnello Calcagni, fisicamente provato per la lunga ed impegnativa salita, insieme al comandante della locale caserma degli alpini, ha così potuto rendere omaggio non solo ai nostri soldati, che con il loro sacrifico estremo riuscirono ad impedire alle truppe austriache di dilagare in Italia sconfiggendo definitivamente il nostro esercito, ma anche simbolicamente a tutti quei militari e colleghi vittime delle missioni di peace keeping in terre lontane. 

A tutti loro va il nostro ringraziamento, il nostro rispetto ed ammirazione.

Guarda alcune delle immagini più significative del Colonnello Carlo Calcagni al Monte Grappa Bike Day