Vincenzo Boni – Sogni per il futuro

Al meeting internazionale di Berlino ha conquistato il record del mondo, due record italiani e tre medaglie d’oro. E’ una delle novità più belle del nuoto paralimpico italiano in vista dei mondiali di Glasgow. Sentiamo cosa ha raccontato ad Ability Channel in occasione dei recenti campionati assoluti invernali che si sono svolti a Napoli, dove è stato sottoposto ad una serie di prove per essere classificato a livello internazionale.

Vincenzo Boni agli Assoluti Italiani

Vincenzo Boni“Oggi mi sono sottoposto alla classificazione internazionale, prima con le prove a secco e poi quelle in acqua durante una gara, quindi – continua Vincenzo Boni – ho dovuto gareggiare fuori gara sotto gli occhi dei classificatori…Qui a Napoli le gare sono andate molto bene: nei 50 in stile dorso, gareggiando nella categoria S3, ho fatto il mio record personale oltre al nuovo record italiano”

La patologia di Charcot-Marie-Tooth

“La neuropatia di Charcot-Marie-Tooth di tipo2 che ho porta all’indebolimento degli arti inferiori. Questa non ha potuto evitare che iniziassi a nuotare fin dall’età di 6 anni però a livello agonistico da poco più di un anno e mezzo”

I sogni e gli obiettivi

“Ovviamente il sogno di qualsiasi nuotatore è quello di arrivare alle paralimpiadi ed ai mondiali. Io ci provo –  racconta Vincenzo Boni – quest’anno ci sono i mondiali di Glasgow e l’anno prossimo le paralimpiadi di Rio, con costanza ed impegno spero di riuscire a realizzare quelli che sono i miei sogni.”