GIOVANNA CHICCO – DALLA BODY ART ALLA DISABILITA’

Giovanna Chicco prima di arrivare ad occuparsi di disabilità è stata pittrice, attrice, scrittrice, modella e ballerina, prendendo parte a diverse performance cinematografiche e a numerose trasmissioni televisive di grande ascolto.

giovanna chicco

Giovanna Chicco e la Body Art

Giovanna Chicco si è sempre impegnata nello studio del corpo, adoperandosi direttamente come strumento e veicolo di espressione artistica, seguendo i moduli della Body Art. La sua caratteristica è sempre stata quella di affrontare nelle sue opere temi attuali e scabrosi e di denunciare la violenza dell’uomo sull’uomo.

La Body Art esibisce il corpo come opera, lo rende protagonista assoluto, con il fine di provocare, scuotere coscienze e convinzioni, diventando terreno per sperimentare utilizzando anche impianti e protesi, creando una simbiosi tra corpo e tecnologia.

giovanna chicco

La carriera di Giovanna Chicco

Fa il suo esordio nel 1990 tenendo poi negli anni successivi numerose mostre personali a Roma, Torino, Trieste, Bologna, Bari, Napoli e Viterbo. Proprio a Roma Giovanna Chicco ha realizzato le sue due ultime esposizioni: “Amplesso con Leonardo senza complesso” e “L’eterna tentazione”. E’ dal 2002 che entra a far parte del movimento artistico della “Plot Art” dove le opere essendo stampate su carta fotografica o su tela potevano anche essere esposte in più luoghi contemporaneamente.

L’avvicinamento al mondo dei disabili

Avvicinarsi al mondo della disabilità, il mondo dei “nati mostruosi” – come li definiva Seneca – il mondo della deformità che tanta paura incuteva nella gente ai tempi di Papa Gregorio Magno, è stato un passaggio quasi normale. E così come in passato cercava di provocare attraverso l’uso del proprio corpo, oggi Giovanna Chicco ha cominciato a rielaborare temi veri, episodi di vita vissuta, proprio per continuare a denunciare le ipocrisie nella nostra società, le violenze fisiche e psicologiche che le persone più deboli ed indifese, spesso con un corpo deforme o mutilato, subiscono quotidianamente.

Ability Channel – I monologhi e le interviste

giovanna chiccoPer Ability Channel Giovanna Chicco ha già realizzato tre monologhi dal titolo “La prima volta: illusione e disperazione di un ragazzo disabile”, “Escort per disabili: Marien, 2000 euro per un weekend” e “Madre carogna“. Nel primo si racconta il dramma di una madre di un ragazzo disabile a causa di una diplegia spastica, costretta ad affrontare da sola il problema della sessualità del figlio, in un contesto di bullismo, emarginazione e assenza delle istituzioni. Nel secondo invece si narra la storia di una spogliarellista di Barcellona, che lucidamente decide di fare del sesso per disabili il suo business. Il terzo infine racconta la storia (vera) allucinante di una madre che tenta in tutti i modi di far diventare disabile il proprio figlio per ottenere finanziamenti e contributi.

Come aveva scritto il poeta Massimiliano Giddio per commentare un quadro di Giovanna Chicco, l’uomo dovrebbe fermarsi a riflettere, ancora una volta, per cercare di capire se stesso, capire il significato di corpi senza testa, senza anima, senza cuore. La ricerca di una risposta per il proprio futuro che troppo spesso spaventa e terrorizza.

Giovanna Chicco e Luca PancalliGiovanna Chicco ha inoltre realizzato una serie di interviste a vari personaggi legati al mondo della disabilità e al movimento paralimpico tra cui ricordiamo il presidente del Comitato Paralimpico Luca Pancalli, il segretario generale Marco Giunio De Sanctis e il presidente della Federazione nuoto paralimpico Roberto Valori.

Monologhi ed interviste che non vogliono esprimere giudizi, ma porre domande e sollevare discussioni. Con l’obiettivo di contribuire, nel suo piccolo, a dare un’ulteriore scossa per l’abbattimento delle barriere culturali che ancora sono molto forti e presenti nella nostra società.