Distrofia muscolare di Steinert

Distrofia Muscolare di SteinertLa Distrofia muscolare di Steinert è una particolare forma di distrofia muscolare (definita miotonicacon meccanismo autosomico dominante: vengono cioè colpiti indistintamente maschi e femmine ed un genitore affetto ha un rischio di trasmettere la malattia del 50% ad ogni gravidanza. L’esordio e le manifestazioni cliniche di questo tipo di distrofia muscolare sono variabili e possono risultare diverse anche nei vari membri di una stessa famiglia.

Le forme della distrofia muscolare di Steinert

La distrofia muscolare di Steinert è una malattia multi-sistemica che colpisce la muscolatura scheletrica e diverse altre parti del corpo come gli occhi (cataratta), il cuore (difetti di conduzione, aritmie, cardiomiopatie), le gonadi (atrofia e sterilità), il sistema endocrino (disturbi alla tiroide ecc.), la muscolatura liscia (difficoltà di deglutizione, stitichezza) ed il sistema nervoso centrale (problemi intellettivi).

Della muscolatura è interessata soprattutto quella distale (avambraccio, mano, gamba e piede) e quella mimica del volto (riduzione della motilità facciale e ptosi palpebrale), anche se l’intera muscolatura scheletrica è comunque coinvolta e può avere come conseguenze scoliosi e difficoltà nei movimenti. Caratteristico è il fenomeno miotonico: i muscoli, oltre ad essere più deboli, si rilasciano con difficoltà dopo la contrazione ed il paziente fatica a lasciare la presa dopo avere stretto in mano un oggetto.

Tra le forme di distrofia muscolare di Steinert si riconoscono:

  • forme congenite gravissime
  • forme infantili gravi
  • forme dell’adolescenza e dell’adulto (le più comuni)

In un nucleo familiare possono anche esistere forme senza sintomi evidenti (subcliniche). La distrofia miotonica presenta poi anche il fenomeno dell’anticipazione: generalmente, cioè, i figli di soggetti affetti manifestano la malattia più precocemente e in forma più grave rispetto ai genitori.

La diagnosi prenatale e le terapie disponibili 

Esiste una diagnosi prenatale, qualora uno dei genitori sia affetto, che viene effettuata sui villi coriali (frammenti di tessuto destinato a diventare placenta) alla decima settimana di gravidanza e che permette di dire se il bimbo sarà affetto o no. 

Non esiste una terapia risolutiva. Si può però operare in vario modo – con terapie cardiologiche, endocrinologiche, respiratorie, ortopediche ecc. – per migliorare le singole problematiche che i pazienti con questa patologia si trovano ad affrontare. 

Centri specializzati

Per conoscere il Centro specializzato in patologie neuromuscolari più vicino a te Leggi anche: Distrofia muscolare sintomi, quali sono e come riconoscerli

Le associazioni a cui puoi rivolgerti

Unione Italiana Lotta alla Distrofia Muscolare Onlus – UILDM

 

Articoli correlati

Distrofia muscolare di Emery-Dreifuss

Distrofia muscolare dei cingoli, di cosa si tratta

Distrofia muscolare congenita

Distrofia muscolare di Duchenne, cosa sapere sulla distrofia dell’infanzia

Distrofia muscolare ereditaria

Distrofina, di cosa si tratta

Distrofia muscolare genetica 

Distrofia muscolare cure

Distrofia muscolare di Becker, una particolare forma di distrofia