Sessualità femminile nel sesso disabili

Sessualità femminile , sesso disabili e sesso normodotati: mi piace pensare che non esiste differenza tra questi due mondi.  La sessualità femminile è un valore unico e fondamentale per tutti.

Sessualità femminile: lungi da essere un miraggio l’orgasmo è invece facilmente raggiungibile dalle donne, posto che vi sia la giusta stimolazione.

In uno degli articoli appena scritti  è stato affrontato il tema della sessualità femminile nelle donne disabili.  La Sessualità femminile nel sesso disabili, dove ora prendiamo in considerazione un aspetto importante per tutte le donne usando dei termini tecnici ed esplicativi che possano spiegare questo meraviglioso mondo.

Nella Sessualità femminile la maggior parte delle donne però (94%),  non raggiunge l’orgasmo durante la penetrazione, bensì tramite la masturbazione o la stimolazione naturale del clitoride. Il 30% lamenta problemi di orgasmo e il 27% di lubrificazione, percentuali che comprendono sia le donne disabili che quelle normodotate.

sessualità femminile

Sessualità femminile : come si manifesta l’orgasmo

L’orgasmo è una piacevole risposta psicologica e fisiologica ad uno stimolo sessuale.

E’ il terzo stadio, dopo la fase di plateau nel rapporto sessuale, a cui normalmente segue una fase di rilassamento della tensione sessuale.

Durante l’orgasmo, sia nei maschi che nelle femmine, si verificano contrazioni muscolari dell’ano e dei muscoli pelvici, così come degli organi sessuali.

Bisogna premettere che non ci sono che due tipi differenti di orgasmo, può cambiare soltanto il tipo di stimolazione per raggiungerlo.

Il clitoride è molto sensibile alle stimolazioni. Può essere stimolato in vari modi, con stimoli manuali o attraverso una pressione e sfregamento con il corpo del partner. Alcune donne provano dolore in presenza di stimolazione diretta. Una migliore stimolazione si ha con la donna sopra in posizione tale che l’osso pelvico eserciti pressione nella zona clitoridea.

Per alcune donne la parte esterna della vagina è anche molto sensibile. Questo viene riferito come “orgasmo vaginale”.

 

Sessualità femminile : orgasmo vaginale

sesso disabiliSessualità femminile sesso disabili, una volta si pensava che le donne avessero difficoltà a raggiungere l’orgasmo e che comunque dovettero sforzarsi di trovare la realizzazione vaginale durante il rapporto (si chiamava orgasmo vaginale). L’orgasmo clitorideo era considerato immaturo e meno importante.

Sessualità femminile sesso disabili, è  stato sconfessato il mito dell’orgasmo vaginale (introdotto da Freud e ripreso dalla maggior parte della pornografia), secondo il quale tutte le donne desiderano e necessitano la penetrazione vaginale per poter raggiungere il massimo piacere. In realtà, la vagina è un organo che dà piacere alle donne, ma la stimolazione vaginale non porta all’orgasmo la maggior parte delle donne.

Molte donne considerano il rapporto penetrativo come  una specie di petting, ma poi usano uno specifico tipo di massaggio clitorideo per raggiungere l’orgasmo.

 

Sessualità femminile e la concezione del sesso disabili

sesso disabiliNella Sessualità femminile  la concezione che abbiamo del sesso, del modo in cui debba svolgersi, è culturale, non biologica.

Non è un destino inevitabile che il piacere della donna sia subordinato o comunque meno indispensabile di quello maschile, per poter considerare un rapporto sessuale “completo”.

Le attitudini sessuali di uomini e donne devono quindi cambiare per la sessualità femminile: all’interno del rapporto deve essere inclusa la stimolazione che le donne desiderano. Questo rende il sesso più paritario: il climax del rapporto non deve più essere solo il coito maschile.

Parlando di Sessualità femminile , la maggior parte delle donne non ha nessuna difficoltà a raggiungere l’orgasmo. E’ la società ad avere delle difficoltà nell’accettare il modo in cui le donne lo raggiungono: una modalità che non prevede alcun riferimento all’elemento fallico della penetrazione vaginale.

Per la Sessualità femminile la società preme perchè le donne si sforzino di raggiungere l’orgasmo durante il rapporto penetrativo, anche se questa non è per loro la modalità più congeniale. Ecco perchè le donne fingono. Non lo fanno solo per compiacere il partner, per farlo sentire uomo, ma fingono anche con se stesse. Fingono di riuscire a raggiungere quella che gli altri sostengono essere la loro femminilità realizzata e liberata.

Il piacere orgasmico durante i rapporti sessuali non a misura di donna, arriva dall’immaginazione che le donne hanno di esso.

sesso disabili

Sessualità femminile : il punto G

Sessualità disabili sesso disabili, un nuovo miraggio sulla sessualità femminile compare all’orizzonte: esiste un punto, detto punto G che se raggiunto, attraverso la stimolazione penetrativa della vagina, può assicurare alla donna un piacere che combina sia il vecchio orgasmo vaginale con il più semplice orgasmo clitorideo.

La nostra ossessione sociale per il punto G, continua a mandare alle donne il messaggio sbagliato: che se non riescono ad avere piacere dalla penetrazione sono sessualmente inadeguate. Il punto G è riuscito quindi ad occupare il posto una volta occupato dall’orgasmo vaginale.

 

Sessualità femminile : sesso disabili le barriere psicologiche

sesso disabiliSebbene nella sessualità femminile l’utilizzo di tecniche e posizioni particolari possa essere utile a favorire l’orgasmo femminile, anche la mente della femmina deve essere preparata.

Per molte donne infatti, sensi di colpa, insicurezza, pensieri negativi inculcati, vergogna, possono prevenire la comparsa di un’eccitazione adeguata e dell’orgasmo.

Nella Sessualità femminile alcune donne si sentono insicure del proprio corpo e altre sono così concentrate su se stesse per raggiungere l’orgasmo, che trascurano il partner ed entrano in ansia, allontanandosi dallo stato psicologico giusto che è la premessa essenziale per l’effettivo raggiungimento dell’orgasmo.

Liberarsi dalle barriere psicologiche è il primo passo. E’ anche importante trovare il modo per entrare in sintonia con il proprio corpo, per sentirsi a proprio agio con esso, per “piacersi”.

Infine bisogna trovare il modo di comunicare al proprio partner cosa piace, quali stimolazioni, sia prima del rapporto che durante, possono essere più efficaci, e quali posizioni sono preferite.

Anche l’atmosfera nel rapporto è molto importante, la situazione, la preparazione, il luogo, le luci, possono giocare un ruolo fondamentale.

 

Il sesso può evolversi al di là dell’orgasmo.

Nella Sessualità femminile il sesso può essere trasformato fino a diventare un vocabolario individuale di gesti erotici, combinazione di corpi destinati a raggiungere alti stati di eccitazione e desiderio, oltre la ricerca dell’orgasmo da parte di uomini e donne.

Nella Sessualità femminile il sesso può diventare qualcosa di nuovo, qualcosa che non abbiamo ancora visto, qualcosa che tutti noi possiamo creare, impegnandoci a fare passi coraggiosi sulla via del cambiamento culturale.

 

«Abbandonatevi, mangiate le cose più buone, baciate, abbracciate, ballate, innamoratevi, rilassatevi, viaggiate, saltate, andate a dormire tardi, alzatevi presto, correte, volate, cantate, fatevi belle, mettetevi comode, ammirate il paesaggio, godetevela e, soprattutto, lasciate che la vita vi spettini!!!»